CHI SIAMO

Giorgia_sbuelz

Giorgia Sbuelz

La mente del piano. L’amante di buone letture, dell’arte e della fisica dei quanti. Lamenta un sincero fastidio per chi mente, a se stesso principalmente. Sogna un viaggio nella mente creativa per eccellenza, quella di Dedalo, idealmente per scrutarne i segreti, praticamente per puro diletto. Pensa che chi non si è mai perso in un labirinto non si è mai trovato veramente.

contatti: giorgia@daedalusopera.it; giorgia.sbuelz@gmail.com

 

poms_foto_bio

 

Poema Leo Quarzell

Quando Diogene di Sinope elaborò il concetto di “cittadino del mondo” con tutta probabilità aveva in mente lei. Un mix di culture nel sangue le conferisce l’indole d’instancabile viaggiatrice e un’attitudine a saper cogliere determinati particolari, che ritroviamo in ciò che scrive e fotografa. Un obiettivo aperto sul dedalo delle manifestazioni umane, ma anche un occhio critico che sa selezionare a dovere.

contatti: poema@daedalusopera.it

 

foto_sere_bio

Serena Stella Petrone

Serena ama tuffarsi nei tesori artistici delle città, così come ama studiare i vari aspetti delle culture che incontra, capace di immergersi anima e corpo in ciò che scatena di volta in volta la sua attenzione. Fashion victim da sempre, quando vuole sognare un po’ le basta passeggiare di fronte le vetrine di Vuitton o di Prada, meglio la mattina. Sa commuoversi per l’ultimo atto della Madama Butterfly, così come per una nuova linea di Jimmy Choo.  Serena é una “Stella” di nome e di fatto, e nello shopping è davvero una Star.

contatti: serenastella@daedalusopera.it

masha_bio

Masha Moretti

Nelle sue vene scorre musica, che ascolta e studia da sempre. Che sia la melodia di un clavicembalo o di una chitarra elettrica, la buona musica non le sfugge mai. Un’anima non solo al servizio del suono, ma delle produzioni creative tutte. Scrive da sempre per passione propria e vorrebbe trasmettere il suo stesso enstusiasmo anche a chi la leggerà. Il suo obiettivo è incuriosire, stuzzicare un sano istinto di ricerca musicale, magari accoppiando nuovi e vecchi sound, da gustare insieme come il cacio con le pere, o da riscoprire da soli. Per lei la musica rappresenta solo il “la” nel viaggio all’interno dell’arte e della creatività.